cosa sono le opzioni binarie 60 secondiPrima di scoprire come investire in opzioni binarie 60 secondi, è opportuno capire di cosa si tratta: insomma, conoscerle più da vicino.

Ecco, quindi, una guida alle opzioni binarie 60 secondi, utile per capire quali sono i vantaggi che offrono e, soprattutto, come ci si deve comportare quando si trada con questi strumenti.

Opzioni a 60 Secondi: Cosa Sono?

Come dice il loro stesso nome, le opzioni binarie 60 secondi non sono altro che opzioni binarie che hanno una scadenza di appena 60 secondi: esse permettono di fare scalping, come accade con il trading classico, anche se la scadenza è già prestabilita.

Per questo motivo, è opportuno effettuare la previsione con rapidità, operando in fretta e, in un arco di tempo molto breve, determinando l’entità dell’investimento senza titubanze.

Le opzioni binarie in 60 secondi offrono la possibilità di guadagnare, in media, tra il 70 e il 75% del capitale che è stato investito: proprio per questo motivo si rivelano alquanto convenienti, tenendo conto del numero di occasioni di trading in un giorno e della brevità delle scadenze.

Chiaramente, prima di verificare come guadagnare con opzioni binarie 60 secondi non è sufficiente tenere conto unicamente del guadagno complessivo, ma soprattutto ricordare che una performance tanto alta può essere raggiunta nel giro di un minuto.

Ecco perché, quando ci si mette in cerca dei migliori broker opzioni binarie 60 secondi, non ci si può dimenticare che i guadagni sono potenzialmente illimitati, sempre facendo riferimento ai segnali del mercato.

Come Investire in Opzioni Binarie a 60 Secondi

opzioni binarie 60 secondi opinioniIn una piattaforma opzioni binarie 60 secondi si è chiamati a effettuare una previsione relativa al movimento del prezzo dell’asset che si desidera, con il limite di 60 secondi come scadenza prefissata.

Il procedimento da seguire è semplice: per prima cosa si sceglie l’opzione binaria, e poi si decide per quale asset si intende fare trading: può trattarsi di indici azionari, di titoli azionari, di materie prime e di valute.

La scelta cambia a seconda delle piattaforme: ovviamente, il miglior broker per opzioni binarie 60 secondi è quello che mette a disposizione una gamma sufficientemente ampia di opportunità.

[Vai alla lista dei broker di opzioni binarie italiani]

Ciò non toglie che per questo tipo di opzioni binarie in genere ci sono meno asset rispetto al solito. Dopodiché, individuato l’asset, non c’è altro da fare che eseguire la previsione.

Opzioni Binarie 60 Secondi Con un Conto Demo

Per capire bene cosa sono le opzioni binarie 60 secondi, e prima di avventurarsi investendo una parte del proprio capitale, può essere utile esercitarsi e allenarsi, così da prendere dimestichezza con la formula: a questo proposito si può sfruttare un conto demo per opzioni binarie 60 secondi, che consente di operare con del denaro virtuale, e quindi senza rischi, pur usufruendo di tutti gli strumenti che si avranno poi a disposizione realmente.

Ecco una lista dei broker che offrono un conto demo per trading in opzioni a 60 secondi in Italia.

Broker Giudizio Bonus Vail al Sito
24Option Opzioni Binarie Italia Illimitato opzioni binarie italiane 24Option
Optionweb opzioni binarie Italia Personalizato + 2 Trade opzioni binarie italiane OptionWeb
opzioni binarie Italia BDSWiss 100% opzioni binarie italiane BDSWiss
StockPair opzioni binarie Italia 50% opzioni binarie italiane StockPair

Opinioni sulle Opzioni a 60 Secondi

conto demo per opzioni binarie 60 secondiDando un’occhiata sul web per opzioni binarie 60 secondi opinioni e pareti le giudicano come possibilità molto allettanti e convenienti. Cimentandosi con un software per opzioni binarie 60 secondi si può prendere dimestichezza con tali risorse, tenendo conto che nella maggior parte dei casi la perdita potenziale corrisponde al totale della somma che è stata investita, anche se alcuni broker possono garantire in caso di perdita un payout, vale a dire un rimborso che oscilla tra il 10 e il 15% del capitale che è stato investito.

Cimentandosi con un software per opzioni binarie 60 secondi si può prendere dimestichezza con tali risorse, tenendo conto che nella maggior parte dei casi la perdita potenziale corrisponde al totale della somma che è stata investita, anche se alcuni broker possono garantire in caso di perdita un payout, vale a dire un rimborso che oscilla tra il 10 e il 15% del capitale che è stato investito.

Una volta valutati tutti gli indicatori per opzioni binarie 60 secondi, si possono mettere in pratica le strategie che di solito sono considerate più redditizie: tra queste c’è senza dubbio quella combinata con l’oscillatore RSI, che viene sfruttato allo scopo di identificare, nel trend in atto, una perdita di forza prima che questa si palesi sul grafico di prezzo del trader. Conoscere il mercato e saper individuare i segnali per opzioni binarie 60 secondi è fondamentale per non farsi trovare impreparati.

L’oscillatore RSI deve il proprio nome all’espressione Relative Strength Index: in sostanza, si tratta di un indice che quantifica e misura la forza relativa di un valore in un lasso di tempo specifico che viene selezionato direttamente dal trader.

come guadagnare con opzioni binarie 60 secondiL’RSI può essere utilizzato per acquistare un’opzione Put: tale azione va compiuta nel momento in cui l’oscillatore si trova in fase di ipercomprato, con il prezzo che tenderà a scendere in breve tempo; oppure per acquistare un’opzione Call: tale azione va compiuta nel momento in cui l’oscillatore si trova in fase di ipervenduto. Nulla di troppo difficile, insomma.

Conoscere il mercato e saper individuare i segnali per opzioni binarie 60 secondi è fondamentale per non farsi trovare impreparati. L’oscillatore RSI deve il proprio nome all’espressione Relative Strength Index: in sostanza, si tratta di un indice che quantifica e misura la forza relativa di un valore in un lasso di tempo specifico che viene selezionato direttamente dal trader.

L’RSI può essere utilizzato per acquistare un’opzione Put: tale azione va compiuta nel momento in cui l’oscillatore si trova in fase di ipercomprato, con il prezzo che tenderà a scendere in breve tempo; oppure per acquistare un’opzione Call: tale azione va compiuta nel momento in cui l’oscillatore si trova in fase di ipervenduto. Nulla di troppo difficile, insomma.